Il 20, 21 e 22 giugno, era ospite ai TEN-T DAYS ovvero le giornate annuali della TEN-T (Trans-European Networks-Transport). L'occasione per tutti di fare il punto sui 9 corridoi.

Violeta Bulc e il Ministro dei trasporti olandese, Melanie Schultz van Haegen Da sinistra a destra: Violeta Bulc, Commissario incaricato dei trasporti, Melanie Schultz van Haegen, Ministro dei trasporti olandese

Si segnala una conferenza con il Commissario incaricato dei trasporti, Violeta Bulc, che ha insistito affinché il cittadino sia posto al centro dei grandi progetti di trasporto e, in particolare, di infrastrutture, e affinché la decarbonizzazione del settore sia effettivamente la priorità.

Laurens Jan Brinkhorst e Michel Caniaux Da sinistra a destra: Laurens Jan Brinkhorst, Coordinamento del corridoio mediterraneo, Michel Caniaux, Delegato Generale

Interessanti anche i workshop con i Coordinatori dei corridoi, tra cui Laurens Jan Brinkhorst, Coordinatore del corridoio mediterraneo, e Carlo Secchi, Coordinatore del corridoio atlantico, i due corridoi costitutivi della Via Atlantica e che intende collegare per garantire la continuità di questo grande asse europeo est-ovest.

Carlo Secchi, Michel Caniaux e Carlo de Grandis Da sinistra a destra: Carlo Secchi, Coordinamento del corridoio atlantico, Michel Caniaux, Delegato Generale , Carlo de Grandis, Coordinamento del corridoio atlantico

Michel Caniaux ha avuto l'opportunità di incontrare i due principali coordinatori della Via Atlantica, attenti ai lavori di , e che hanno consigliato di raccogliere una solida documentazione in vista della revisione delle TEN-T affinché si tenga conto del collegamento del corridoio atlantico al corridoio mediterraneo all'altezza di Lione sulla Torino-Lione che cessa di essere un vicolo cieco su un un asse est-ovest incompiuto.

E' stato possibile anche incontrare altri attori del dibattito per la creazione del 1° luglio 2015, come Herald Ruijters, Capo dell'Unità, mantenendo i legami con la Commissione.

L'intervento di Madrid del 7 giugno e l'invito alla TEN-T si inseriscono nella continuità del dibattito per la creazione della Via Atlantica del 1° luglio 2015 a Bruxelles, cioè la radicalizzazione della Via Atlantica nello spirito europeo. Per questo, se l'accessibilità e l'influenza dei terrori, quindi la mobilità duratura dei passeggeri, restano una priorità, i Francesi non devono essere da meno e nessuna collettività coinvolta deve mancare all'appello in quanto si rischierebbe di indebolire il percorso!