La Commissione Mobilità 21 ha commesso l'errore di limitare il ragionamento a un contesto franco-francese, celando la dimensione europea. A tale scopo, la sua riflessione sarebbe dovuta partire dalla cartina dei corridoi al fine di completare:

  • il corridoio mediterraneo: attraverso la ramificazione Lione -Montluçon-Limoges-Angoulème e Limoges-Poitiers, che collega detto corridoio a quello atlantico.
  • il corridoio atlantico: attraverso la ramificazione Poitiers-Nantes-Rennes-Caen/Brest.

Da qui la cartina vergognosa della struttura a rete del territorio nazionale attraverso i corridoi europei, influenzata dai lavori della Commissione Mobilità 21 che relega oltre il 2030 la realizzazione di nuove linee, tranne Bordeaux-Tolosa e Bordeaux-Dax.